Emanuele Tattoo

Emanuele Paoletti Tatuatore


banner-img1Sono nato a Pisa il 7 marzo del 1975, dove ho conseguito una laurea in Lingue e Letterarure Straniere. Fin dalla tenera età, ho sempre avuto una fortissima passione per l'arte e, in special modo, per la pittura.

 

Sono stato per molti anni l'allievo del famoso pittore pisano Enrico Fornaini.
La mia base pittorica si basa su uno sfondo classico: ritratti dal vivo, studio della fisionomia umana, nature morte, paesaggi.

Molte delle mie opere hanno trovato spazio in vari allestimenti ed esposizioni pittoriche. Ho lavorato inoltre come restauratore di affreschi, per lo più in ambito ecclesiastico.
Dai primi anni '90 ho praticato l'aerosol-art, portando a Pisa, insieme a pochi amici, l'arte dei graffiti metropolitani. Il mio ingresso nel mondo del tatuaggio è avvenuto agli inizi del terzo millennio, ottenendo da subito ottimi risultati grazie all'esperienza pittorica maturata durante il corso della mia vita.
Tatuo quotidianamente ogni genere di soggetto e ritengo che un tatuatore, per essere completo, debba essere in grado di realizzare qualsiasi cosa. Tuttavia ci sono soggetti che prediligo maggiormente, e sono quelli mutuati dalle mie caratteristiche pittoriche: ritratti di persone, di animali, paesaggi, soggetti mitologici, arte noir e biomeccanici.

E' sempre una sfida, riuscire a riprodurre il realismo nella maniera che si avvicina maggiormente alla perfezione, fare da filtro fra la realtà oggettiva, quella vista da tutti, e quella soggettiva, quella che devi trasporre su pelle e che devi alterare il meno possibile al fine di non deformarla.
Non credo nel tatuaggio come vocazione divina, così come non vedo la figura del tatuatore alla stregua di un semi-dio... lo considero semplicemente come un modo di fare arte, così come lo l'olio su tela, il carboncino, i graffiti metropolitani o l'aerografo.

Solo che un tipo di arte in cui non puoi permetterti di sbagliare, non è una tela che butti perché è venuta male... sulla pelle degli altri non si scherza, e io cerco sempre di metterci l'anima, di dare il massimo della mia passione e della mia creatività in qualsiasi lavoro, sia che si tratti di una schiena completa, che di una farfallina sul collo....

E chi si fa tatuare per moda dovrebbe rendersi conto che l'anno successivo potrebbe non apprezzare più il disegno che si porta addosso...

Dal canto mio posso solo consigliare per quello che io penso sia il meglio, ma non mi sento in alcun modo di ergermi a giudice supremo e rifiutarmi di tatuare qualsiasi cosa su qualsiasi persona solo perché non mi piace un determinato soggetto o un certo genere di persone.
Ognuno è artefice delle proprie scelte e dispone della propria vita nel modo in cui ritiene opportuno.

Vivo ogni giorno con la passione di chi esegue un tatuaggio per la prima volta, e rimango maggiormente appagato dallo sguardo soddisfatto di chi ammira una mia opera nel riflesso di uno specchio, piuttosto che dal denaro che se ne possa ricavare, e sarò sempre felice ed emozionato nell'aprire le porte del mio studio a chi ripone fiducia in me e vuole portarsi una mia opera impressa nella pelle per tutta la vita!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi